Alcuni carboidrati allungano la vita

Secondo alcuni scienziati, la maggior parte delle diete che eliminano questi composti chimici organici sono da rivalutare.

Se mai avete avuto problemi di linea, avrete senz’altro preso la difficile decisione di rinunciare ad alcuni amati alimenti, come il pane, la pasta e la pizza. Esiste infatti una varietà praticamente infinita di diete dimagranti, e la maggior parte di esse non prevede il consumo di tali cibi, notoriamente ricchi di carboidrati. Piuttosto, le più comuni diete sono a base di proteine, prima tra tutte la Atkins, con il suo programma altamente proteico che elimina di netto ogni carboidrato dai nostri piatti.

Eppure, secondo una recente ricerca condotta in Australia, i carboidrati possono avere un impatto incredibilmente positivo sul nostro metabolismo, e di conseguenza, sulla qualità e la durata della nostra vita. L’esperimento (condotto sui ratti) ha dimostrato infatti che combinare una determinata quantità di cibo dalle qualità nutritive diverse sarebbe in grado di abbassare l’apporto calorico generale del 40%. Una percentuale incredibilmente significativa in termini di miglioramento e incremento della velocità del metabolismo; un fattore che, a sua volta, garantisce una migliore qualità della vita.

Attenzione, però: i carboidrati devono essere quelli «buoni», quelli naturali, che provengono dunque dai cibi integrali (è assolutamente «vietata» la farina bianca), dai semi e dai legumi, ma anche dalla frutta e dalla verdura.

I ricercatori hanno rilevato inoltre che tale dieta non ha portato a nessun cambiamento nei roditori in termini di «linea».

«È vero che ridurre l’apporto di cibo e di peso corporeo migliora la salute del metabolismo e riduce il rischio di malattie come il diabete di tipo 2, l’obesità, e la steatosi epatica (più nota come “fegato grasso”, ndr)», ha spiegato il professor Stephen Simpson, uno degli autori dello studio.

«Tuttavia, secondo questa ricerca e l’esperimento condotto sui topi, pare che includere nella nostra dieta un modesto apporto di proteine d’alta qualità e tanti carboidrati “buoni”, abbia un effetto positivo sulla nostra salute mentre avanziamo con l’età».

I risultati dello studio sono stati pubblicati per intero nella rivista scientifica Cell Reports.

Leggi l’articolo su News Republic

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *