Un pezzo di Silicon Valley si schiera con Samsung contro Apple

Facebook, Google, HP e Dell si dichiarano Amicus curiae nel caso di Apple contro Samsung. Il timore è che la sentenza possa far male a tutti.

C’è un pezzo di Silicon Valley che conta, da Facebook a Google passando per HP e Dell, che si è apertamente schierata con Samsung contro Apple. In tribunale questa presa di posizione rientra nella definizione di “Amicus curiae”, ovvero la possibilità per chiunque di fornire informazioni alla corte che possano essere d’aiuto per dirimere questioni. Nello specifico si parla della decisione della Corte di Appello californiana di obbligare Samsung a girare ad Apple tutti i profitti generati da una serie di prodotti che integrano tecnologie correlate a brevetti Apple.

samsung-smartphone-apple-2546af2f243a7e88a0e013ff7792ff59f

 

Le aziende della Silicon Valley hanno paura che questa decisione della Corte possa aprire una voragine nel settore. Possono 6 violazioni di brevetto trasformarsi nella perdita totale di profitto? Nella lettera co-firmata dalle aziende statunitensi si legge che l’impatto di un tale approccio sarebbe devastante. A loro parere smartphone, tablet, smart TV e ogni tipo di dispositivo contengono migliaia di componenti, quindi non si può ridurre tale complessità a singoli brevetti.

Una filosofia opportunistica, si potrebbe supporre. Quando queste singole aziende devono fare valere i propri diritti di solito non vanno tanto per il sottile. Forse a questo giro preoccupa che la questione riguardi il “design”.

Apple infatti ha vinto contro Samsung poiché è stata riconosciuta la violazione di 6 brevetti su 7 legati alla forma rettangolare dell’iPhone, gli angoli smussati, la forma delle icone, etc. Sebbene inizialmente si parlasse di 1,05 miliardi di dollari di danno, alla fine la Corte ha deciso per una compensazione pari a 382 milioni di dollari e una cifra pari al valore totale dei profitti generati dalla serie Galaxy sotto accusa.

Apple comunque ha già risposto dicendo che soprattutto Google non può essere considerata “Amicus curiae”, poiché coinvolta nello sviluppo del design diAndroid.

Fonte qui

Può interessarti anche:

Apple subisce una class action a causa di AppleCare+applecare-logo

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *