Silent Hill: la città fantasma esiste davvero (Video)

Silent Hill: la città fantasma Centralia esiste davvero

Le origini risalgono all’inizio dell’Ottocento in un luogo dove si trovava un enorme giacimento di antracite, ovvero carbon fossile puro al 95/°. Si tratta di un tipo di carbone allo stadio più avanzato, che si presenta in forma solida, friabile e di colore nero lucente. Ha un buon potere calorifico, circa 8000-8500 kcal/kg, ed è considerato un ottimo combustibile.

Appartiene alla categoria del carbone duro,brucia lentamente producendo poco fumo. La sua scarsità in natura è una delle cause del minor utilizzo da parte dell’uomo e del suo maggior costo rispetto agli altri tipi di carbone di qualità inferiore, ad esempio il litantrace. Negli ultimi decenni l’antracite sta perdendo il suo impiego come combustibile in conseguenza della progressiva sostituzione con altre risorse come nafta o metano. Nel caso specifico della città di Centralia, l’antracite venne estratta in quantitativi industriali fino alla fine del XIX secolo, lasciando alla fine nel sottosuolo una serie di pozzi abbandonati.

Nel 1962 la cittadina contava circa 2000 abitanti, quando un pozzo dismesso, utilizzato come discarica abusiva, prese fuoco a causa dell’immissione accidentale di rifiuti ardenti. Si innescò un terribile incendio della vena carbonifera che provocò un vero e proprio disastro per la città, ma anche per l’ambiente circostante.

Caratteristica dell’antracite è il fatto che sia di difficile accensione, ma ancor più difficoltoso ne è lo spegnimento. Inutili furono i tentativi di spegnere l’incendio sotterraneo, che ben presto manifestò i suoi effetti devastanti anche in superficie. L’asfalto in alcuni punti venne laceratocreando enormi crepe e voragini dalle quali uscivano terribili nuvole bianche di vapore e ceneri che fecero morire alberi e vegetazione.

Il sottosuolo continuò a bruciare durante gli anni Sessanta e Settanta, e divenne presto evidente che il monossido di carbonio che si sprigionava dalla combustione, creava effetti nefasti sulla salute della popolazione. Solo nel 1979, però, la gente comprese la portata del problema, anche perché continuavano ad accadere incidenti strani. Per esempio, il proprietario di una pompa di benzina si rese conto, per caso, che a causa dell’eccessivo calore del sottosuolo, il suo impianto era seriamente a rischio di esplosione.

Un ragazzino di 12 anni cadde in crepa profonda 45 metri, apertasi all’improvviso sotto i suoi piedi. Erano tutti in pericolo a Centralia, e a quel punto, la gente iniziò seriamente ad evacuare trasferendosi nelle comunità limitrofe. La popolazione passò di colpo da più di 1000 persone nel 1981 a soli 9 individui nel 2007.
Oggi gli edifici della cittadina sono stati dichiarati inagibili. La strada è ricoperta di piante, ma le crepe nella terra continuano ad eruttare nell’aria il fumo tossico. Nel 1994 venne attuato un blocco stradale e il traffico fu fatto deviare, al fine di non far passare nessuno per le vie della città.

Il fuoco continua tutt’ora a bruciare, e si stima che possa essersi esteso per ben oltre 160 ettari di terra. Sembra che tale fuoco possa andare avanti ancora per un bel po’. Attualmente non esistono piani per lo spegnimento e lo strato di carbone contiene abbastanza carburante per durare circa 250 anni.

Centralia è così divenuta una sorta di lugubre e tristemente istruttiva attrazione turistica. La vicenda ha ispirato l’ambientazione di un film del 2006 dal titolo Silent Hill, basato su un famoso videogioco omonimo. Il film, diretto dal regista Christophe Gans è tratto dalla celebre saga di videogiochi survival horror Silent Hill e la storia, benché in parte diversa, trae origine da quella del primo capitolo della serie.

Il film presenta molti tratti del videogioco,soprattutto mostri, ambientazioni e la colonna sonora. Una storia spaventosa di una bambina vittima di una setta religiosa il cui corpo viene dato alle fiamme poiché ritenuta sacrilega. Fortunatamente viene tratta in salvo dalla madre e condotta all’ospedale con gravi ustioni su tutto il corpo.

Poi il caos più totale: ovvero la piccola, piena d’odio, stringe un patto col diavolo che fa divampare immediatamente un terribile incendio e costringe gli abitanti di Silent Hill a fuggire dalla città, facendola divenire quella che viene definita dagli Americani una Ghost City.

Centralia quindi è la vera Silent Hill, che la mano dell’uomo ha manipolato e sfruttato fino all’osso, fino a quando, per una sua disattenzione, non si è rivoltata chiedendo vendetta. E ora brucia da ben 51 anni in silenzio ed in completa solitudine.

fonte

Approfondimento video:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *