Come è affondato il Titanic: la ricostruzione in 2 minuti (e anche in 2 ore e 40)

La tragedia del transatlantico rivissuta in un’animazione di 2 ore e 40 minuti (di cui vi presentiamo anche una versione “condensata”). Con gli scricchiolii, i drammatici silenzi e la lentezza originali.


Dopo oltre un secolo da quell’impatto fatale con quell’iceberg nella notte tra il 14 ed il 15 aprile 1912, il Titanic torna ad affondare, per l’ennesima volta: ora però gli ultimi momenti in superficie del transatlantico sono protagonisti di un’animazione particolarmente accurata, che ricostruisce con precisione storica i dettagli della tragedia.

 

Il video che fa parte della campagna di lancio di un videogame (Titanic: Honor and Glory) dura 2 interminabili ore e 40 minuti. Qui in alto ne potete vedere un breve montaggio, con i punti salienti della narrazione (in gran parte muta). A fine pagina, invece, la versione completa.

DISASTRO GRADUALE. Nei primi 45 minuti sembra non accadere nulla in particolare, e la nave non dà segni di cedimento. Tuttavia, mano a mano che il tempo passa, il vento che soffia sull’oceano si quieta e lascia il posto a un inquietante silenzio, rotto soltanto da qualche esplosione occasionale, dagli scricchiolii del legno e dal lamento sinistro del metallo del transatlantico.

 

SEMPRE PIÙ GIÙ. Mentre immaginiamo gli oltre 1500 passeggeri che persero la vita, la scena appare tragicamente tranquilla; poi l’acqua inizia a farsi largo, inesorabile, nei lussuosi interni della nave, che si inclina sempre di più, fino a spezzarsi, tra le urla di chi è rimasto intrappolato. Se da un lato la ricostruzione appare quasi sadica, nella sua lentezza, dall’altro sembra avere dalla sua il merito della fedeltà narrativa. Se non altro, nei tempi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *