Colonscopia. Nell’uomo deve essere effettuata prima dei cinquanta anni

Nuove ricerche hanno scoperto che i tumori si sviluppano nel colon con maggiore frequenza e in età più anticipata tra gli uomini che non nelle donne

Anche se nessuno si augura di doversi mai sottoporre a una colonscopia, questa procedura rappresenta un eccellente strumento per salvare innumerevoli vite. La pratica, infatti, permette di scoprire possibili formazioni tumorali e consentirne la rimozione prima che questi diventino una minaccia seria per la salute. Fino ad oggi è sempre stato raccomandato a uomini e donne di affrontare la loro prima colonscopia al raggiungimento del cinquantesimo anno di età. Tuttavia, nuove ricerche hanno scoperto che i tumori si sviluppano nel colon con maggiore frequenza e in età più precoce tra gli uomini che non nelle donne, il che suggerisce che le linee guida per lo screening per il tumore del colon dovrebbero essere rivedute. Prima di questo ultimo studio, altre ricerche hanno dimostrato che il tasso di formazione del cancro al colon varia tra uomini e donne; diversi studi hanno dimostrato che gli afro-americani hanno una probabilità del 23 per cento maggiore di sviluppare polipi del colon potenzialmente maligne (adenomi) rispetto ai loro connazionali quarantacinquenni, tanto che la American Gastroenterology Association raccomanda agli afro-americani di iniziare un regolare screening per il tumore al colon già a partire dai 45 anni. Secondo Monika Ferlitsch, autrice dello studio e professoressa associata presso l’Università di Medicina di Vienna: “lo studio suggerisce che è necessario cambiare le raccomandazioni; purtroppo non abbiamo ancora ben chiaro come farlo; al momento è difficile stabilire se gli uomini devono essere sottoposti a screening prima dei cinquanta anni e le donne invece no, oppure se il cambiamento deve riguardare indistintamente uomini e donne”.

link: piusanipiubelli.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *